Il linguaggio di genere in Banca: ancora troppo scarsi i progressi

giovedì 13/09/2018

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 
Il linguaggio di genere in Banca: ancora troppo scarsi i progressi

Era il 4 ottobre del 2017 quando, pubblicavamo un articolo annunciando i primi significativi passi per l’introduzione in Banca del linguaggio di genere anche a seguito di una nostra sollecitazione: un vezzo, una questione di forma per alcune persone, ma non per chi sa che le parole hanno un peso specifico rilevante e sottendono sostanza.

Un anno dopo dove siamo? In molti Servizi le comunicazioni ancora riportano gradi declinati al maschile anche quando si riferiscono a posizioni ricoperte da donne. Troppo spesso si trovano nei documenti riferimenti all’esperto Eleonora, al consigliere Francesca, al direttore Maria e sono davvero poche le donne che si firmano la Titolare, la Capo Divisione o … la Capo Servizio (ma qui il problema è un altro …).

Rinnoviamo, pertanto, l’invito a correggere il tiro, a sensibilizzare gli estensori dei documenti ad usare il genere femminile nelle qualifiche  perché non può essere solo la funzione Diversity a farsi portatrice del linguaggio di genere, ma deve essere un impegno di tutte le strutture della Banca comunicare e quindi riconoscere i ruoli declinati al femminile!!

luglio 2007-luglio 2017:
10 anni di storia della nostra associazione

Con l’occasione proponiamo per ogni anno di attività un buon motivo per iscriversi, ovvero 10 ottime ragioni per diventare socie ADBI.

Buone notizie

Una rubrica dedicata alle buone notizie e buone prassi, dedicata alle iniziative che aiutano a conciliare vita e lavoro, che combattono i comportamenti sessisti e discriminatori. Inviate anche voi notizie scrivendo a: webmaster@adbi-online.it

Valore D Pari o dispare Rete Armida web agency SITO HD