ADBI, una proposta per incoraggiare il linguaggio di genere in Banca

mercoledì 27/09/2017

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 
ADBI, una proposta per incoraggiare il linguaggio di genere in Banca

ADBI ha presentato una proposta ai vertici della Banca di Italia per sensibilizzare l’amministrazione nell’utilizzo di un linguaggio di genere grammaticalmente corretto, sia nella comunicazione interna che nella comunicazione esterna della struttura.

L’iniziativa parte dall’esempio dato in diversi contesti della Pubblica Amministrazione, quali il Ministero degli Esteri e più di recente la Camera dei Deputati, facendo propria la consapevolezza rilevata già da tempo che il linguaggio sia uno dei veicoli privilegiati per l’affermazione e la reiterazione di determinati valori e codici culturali (v. Il linguaggio non è neutro e fa la differenza), e si allinea col proposito dell’ADBI di “costruire ambienti di lavoro aperti e inclusivi, che favoriscano la piena valorizzazione delle specificità individuali” in tutti i settori di impiego.

Nel presentare la proposta, ADBI ha sottolineato come la possibilità di includere anche il linguaggio tra i parametri per un miglioramento della cultura aziendale, del benessere organizzativo e favorire un ambiente di lavoro sereno, motivante e coeso, rivesta un carattere rilevante nel contesto della Banca, soprattutto alla luce delle recenti iniziative volte a favorire una maggiore sensibilità verso le problematiche di genere.

Un corretto impiego del linguaggio, secondo ADBI, parte della declinazione di genere nelle qualifiche professionali dei percorsi di carriera (ad esempio, l’utilizzo del temine  esperta anziché solo expert, consigliera anziché solo consigliere, direttrice anziché solo direttore, avvocata anziché solo avvocato) e degli appropriati articoli determinativi per riferirsi alle posizioni organizzative rivestite dalle donne (la Capo Dipartimento/ Servizio, la Vice Capo Dipartimento/ Servizio, la Responsabile/Titolare della Divisione, la Sostituta della/del Responsabile/Titolare della Divisione).

ADBI si auspica che la proposta venga accolta con il favore della Dirigenza, adottando fin da subito le opportune indicazioni in materia.

luglio 2007-luglio 2017:
10 anni di storia della nostra associazione

Dopo le vacanze estive sono in programma eventi o approfondimenti per festeggiare questo importante traguardo, alcuni riservati alle socie ed altri che avremo il piacere di condividere con tutte.

Per settembre segnaliamo la presentazione del libro di Silvia Tassarotti il giorno 27

Con l’occasione proponiamo per ogni anno di attività un buon motivo per iscriversi, ovvero 10 ottime ragioni per diventare socie ADBI

Buone notizie

Una rubrica dedicata alle buone notizie e buone prassi, dedicata alle iniziative che aiutano a conciliare vita e lavoro, che combattono i comportamenti sessisti e discriminatori. Inviate anche voi notizie scrivendo a: webmaster@adbi-online.it

Valore D Pari o dispare Rete Armida