Da oggi lavoriamo GRATIS!

venerdì 08/11/2019

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 
Da oggi lavoriamo GRATIS!

Quest'anno la data che segna l'inizio del divario retributivo è caduta il 4 novembre. È l'Equal pay day, una giornata istituita dall'Unione europea per segnare il momento dell’anno in cui le donne iniziano simbolicamente a smettere di guadagnare se confrontate con i loro colleghi. Dal 5 novembre e fino al 31 dicembre le donne europee lavoreranno GRATIS!

Secondo una relazione della Commissione Europea, questo accade perché le lavoratrici dell’Unione sono pagate, in media, il 16% in meno rispetto ai lavoratori; in altri termini, una donna in Europa guadagna 84 centesimi per ogni euro guadagnato da un uomo. E anche se la situazione è in lento miglioramento, negli ultimi 7 anni il gender pay gap si è ridotto dell’1%.

E in Italia? Secondo la Commissione il divario è di poco superiore al 5%, se si guarda solo il salario lordo orario a parità di impiego; ma il dato è influenzato dalla ridotta partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Secondo uno studio di Eurostat, prendendo in considerazione altri fattori – come il numero di settori con prevalenza di personale femminile (nei quali le retribuzioni sono tendenzialmente più basse rispetto a settori a prevalenza maschile), il numero mensile delle ore retribuite, il numero dei lavoratori part time e il numero di donne in posizioni dirigenziali – la differenza salariale complessiva passa addirittura al 43.7% su una media europea del 39%. Due aspetti in particolare influenzano il dato: la grande quantità di impiegati/e nel settore privato (dove la differenza salariale è più alta rispetto al settore pubblico) e la differenza enorme tra il numero di uomini e quello delle donne in posizioni apicali, che prevedono stipendi mediamente più alti. (Fonte: tg24.sky.it/economia/approfondimenti).

luglio 2007-luglio 2017:
10 anni di storia della nostra associazione

Con l’occasione proponiamo per ogni anno di attività un buon motivo per iscriversi, ovvero 10 ottime ragioni per diventare socie ADBI.

Buone notizie

Una rubrica dedicata alle buone notizie e buone prassi, dedicata alle iniziative che aiutano a conciliare vita e lavoro, che combattono i comportamenti sessisti e discriminatori. Inviate anche voi notizie scrivendo a: webmaster@adbi-online.it

Valore D Pari o dispare Rete Armida web agency SITO HD