La lettera indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri

lunedì 01/02/2021

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 

In relazione alle decisioni che il Governo intendeva prendere in merito alla governance  dei Fondi di Next Generation EU, l’8 dicembre 2020 ADBI ha condiviso una lettera, sottoscritta da altre 21 associazioni (*), indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri, alle Ministre e ai Ministri. Nella lettera si chiedeva al Governo di adoperarsi perché la governance del Piano di recovery fosse gestita in modo paritario, evitando quanto accaduto con il Comitato Colao, quando fu necessaria la protesta pubblica perché si includessero nel Comitato anche delle donne. Nella lettera si sottolinea come le donne - che hanno sofferto forse più di altri degli effetti della pandemia, in termini di calo dell’occupazione, di carico familiare nel periodo del lockdown, di oneri connessi alla gestione dei figli in età scolare- non sono tenute adeguatamente in considerazione anzi per meglio dire “spariscono”! Spariscono dall’esercizio elettorale, dalle liste elettorali, dai vertici delle cariche pubbliche, dai luoghi decisionali, dal mercato del lavoro. Si accentua il fenomeno NEET (Not in education, Employment or Training). Ciò nonostante venga sottolineato da tante parti che solo il pieno utilizzo del valore portato dalle donne potrà far ripartire l’economia.

 

  • Le altre associazioni firmatarie della lettera sono: Assist. Ass. Naz. Atlete, Base Italia, Campagna Donne per la Salvezza – Half of it, Community Donne 4.0, Dalla stessa parte, DateciVoce, Differenza Donne ONG, Fuori Quota, GammaDonna, Il Giusto Mezzo, Le Contemporanee, M&M – Idee per un Paese Migliore, One Billion Rising Italia, Rebel network, Rete per la parità, Se non ora quando – Libere, Se non ora quando – Torino, Soroptimist International Italia, CGIL – Politiche di genere, Coordinamento Donne CISL, UIL.  

luglio 2007-luglio 2017:
10 anni di storia della nostra associazione

Con l’occasione proponiamo per ogni anno di attività un buon motivo per iscriversi, ovvero 10 ottime ragioni per diventare socie ADBI.

Buone notizie

Una rubrica dedicata alle buone notizie e buone prassi, dedicata alle iniziative che aiutano a conciliare vita e lavoro, che combattono i comportamenti sessisti e discriminatori. Inviate anche voi notizie scrivendo a: webmaster@adbi-online.it

Valore D Pari o dispare Inclusione Donna PWN Rome web agency SITO HD