La lingua italiana declinata al femminile: Boldrini all'Accademia della Crusca

mercoledì 03/01/2018

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 

Edmondo De Amicis ne l’Idioma gentile scriveva: “Tu ami la lingua del tuo paese, non è vero? L’amiamo tutti”. Tutti amano l’italiano perché la parola è espressione delle nostre idee e di ciò che siamo. La lingua è manifesto storico dell’Italia e al tempo stesso il segno del cambiamento e dell’evoluzione della società.

In quest’ottica il 30 Novembre scorso la presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, presso l’Accademia della Crusca, è intervenuta nel dibattito “L’Italiano oggi nella società e nelle Istituzioni” insieme, tra gli altri, ad esponenti dell’Accademia della Crusca) e alla linguista Cecilia Robustelli Aggiungere link alle linee guida di Robustelli già presenti nel nostro sito.

Si è discusso sul linguaggio di genere e di come sia necessario, per adeguarsi ai tempi e ai cambiamenti della società, eliminare le barriere derivanti da una lingua che per anni ha utilizzato solo termini al maschile.

Termini come “Ministra” devono rientrare nella neo-lingua: rifiutare questo cambiamento, è a detta del presidente dell’Accademia della Crusca, “una radicalizzazione ideologica”, un estremismo condizionato da pregiudizi che necessita un rinnovamento.

Naturalmente l’Accademia della Crusca non ne impone l’utilizzo ma invita gli Italiani a non nascondere il rifiuto di usare termini declinati al femminile dietro la grammatica. Infatti, se la lingua è espressione del popolo e del nostro paese, non può far altro che adattarsi ai tempi per poter lasciar traccia, con le parole, dei cambiamenti avvenuti e delle conquiste raggiunte dalle donne.

Inoltre la presidente Boldrini ha aggiunto come in Italia le donne rappresentino una maggioranza (51%) che non deve adattarsi, ma uscire allo scoperto ed esigere rispetto anche nella lingua, sottolineando il ruolo delle Istituzioni nel farsi portavoce e parte attiva del percorso da intraprendere per raggiungere l’uguaglianza e le pari opportunità. Gli intervenuti hanno quindi convenuto che riconoscere con la parola e con la declinazione al femminile il cambiamento della società contribuisce a scrivere la storia del nostro paese e della nostra lingua. 

luglio 2007-luglio 2017:
10 anni di storia della nostra associazione

Con l’occasione proponiamo per ogni anno di attività un buon motivo per iscriversi, ovvero 10 ottime ragioni per diventare socie ADBI.

Buone notizie

Una rubrica dedicata alle buone notizie e buone prassi, dedicata alle iniziative che aiutano a conciliare vita e lavoro, che combattono i comportamenti sessisti e discriminatori. Inviate anche voi notizie scrivendo a: webmaster@adbi-online.it

Valore D Pari o dispare Rete Armida web agency SITO HD